8 utili consigli per risparmiare sul riscaldamento in condominio

Riscaldare gli ambienti della propria abitazione durante l’inverno o i periodi freddi è essenziale, ma spesso comporta un grande aumento delle cifre in bolletta.

In questo periodo di aumento dei consumi domestici può essere utile avere delle linee guida da seguire per migliorare le prestazioni energetiche della propria abitazione, controllare la spesa e consumare meno.

È importante sapere che consumare energia in maniera responsabile aiuta sia a risparmiare riducendo le spese, sia a tutelare la l’ambiente inquinando meno.

Per l’occasione, Enea, ente nazionale per energia tecnologie sostenibili e ambiente, ha stilato una lista di utili consigli per gestire in maniera efficiente il proprio impianto di riscaldamento al fine di:

  • salvaguardare l’ambiente;
  • risparmiare in bolletta;
  • riscaldare efficacemente la propria abitazione senza sprechi (energetici ed economici).

Ecco di seguito alcuni suggerimenti raccolti tra quelli proposti da ENEA per riscaldare le proprie abitazioni in modo responsabile.

8 pratici consigli per ridurre i consumi e risparmiare sul riscaldamento in condominio

1) Esegui la manutenzione degli impianti.
Un impianto consuma e inquina meno quando è regolato correttamente, è pulito e senza incrostazioni di calcare.

2) Controlla la temperatura degli ambienti.
Scaldare eccessivamente la casa può danneggiare la salute e le tasche: la normativa prevede una temperatura di 20 gradi più 2 di tolleranza, ma 19 gradi sono più che sufficienti a garantire il comfort necessario.

3) Attenzione alle ore di accensione.
In un’abitazione efficiente non è necessario tenere acceso l’impianto termico di giorno e di notte: il calore accumulato dalle strutture quando l’impianto è in funzione garantisce un sufficiente grado di comfort anche nelle ore di spegnimento.

4) Installa pannelli riflettenti tra muro e termosifone.
È una soluzione semplice, ma molto efficace per limitare le dispersioni di calore, soprattutto nei casi in cui il calorifero è incassato nella parete diminuendone spessore e grado di isolamento. Per contribuire a ridurre le dispersioni verso l’esterno, può bastare un semplice foglio di carta stagnola.

5) Scherma le finestre durante la notte.
Chiudendo persiane e tapparelle o disponendo tende pesanti si riducono le dispersioni di calore verso l’esterno.

6) Evita ostacoli davanti e sopra i termosifoni.
Posizionare tende o mobili davanti ai termosifoni o usare i radiatori come asciuga biancheria, ostacola la diffusione del calore verso l’ambiente ed è causa di sprechi.

7) Non lasciare le finestre aperte a lungo
Per rinnovare l’aria in una stanza bastano pochi minuti, quindi le finestre non vanno lasciate aperte troppo a lungo al fine di evitare inutili dispersioni di calore.

8) Installa le valvole termostatiche.
Questi dispositivi servono a regolare il flusso dell’acqua calda nei termosifoni, consentendo di non superare la temperatura impostata per il riscaldamento degli ambienti. Obbligatorie per legge nei condomìni, le valvole termostatiche contribuiscono a ridurre i consumi fino al 20%.

Fonte: Enea